Eleonora

“…lei era lì, pronta ad accogliere tutta me stessa e ad accompagnarmi con pazienza e senza pregiudizio sulla via della consapevolezza.”

Avevo sentito parlare della tecnica del Rebirthing e della possibilità di rivivere, attraverso il respiro circolare, la forte emozione della propria nascita. Devo essere sincera: il pensiero non mi entusiasmava per niente…impensabile… rivedere mia madre che partorisce! E, come qualcosa che non è maturo, l’avevo messo a riposo in un angolino ma puntualmente, come un richiamo, si riaffacciava alla mente. La razionalità non arriva a spiegare come possa accadere, infatti occorre abbandonarla insieme alle proprie convinzioni e agli atteggiamenti limitanti che, formando maglie sempre più fitte, diventano un ostacolo alla conoscenza. Ognuno sceglie la strada migliore per sé quando lo ritiene opportuno. E così, dopo 2 anni, è maturato il desiderio di crescita personale che mi ha portato a “scegliere” come rebirther, Fabiola. “Tutto succede nel momento giusto”. E lei era lì, pronta ad accogliere tutta me stessa e ad accompagnarmi con pazienza e senza pregiudizio sulla via della consapevolezza. Con l’idea di non nascondermi nulla,è iniziato il mio lavoro di responsabilità, ed ogni seduta di dialogo e di respiro circolare mi portava a dei piccoli cambiamenti, che in modo evidente, mi facevano stare meglio. Inaspettatamente, giunta alla sesta seduta, è successo! Il mio “viaggio” è iniziato con una musica di sottofondo molto piacevole con delicate note di pianoforte che hanno immediatamente fatto vibrare il mio lato più sensibile, ricordandomi uno dei miei compositori preferiti. In quell’istante ho accennato un sorriso, ringraziando silenziosamente Fabiola per l’immediata sintonia armonica che era riuscita a creare. Mentre ero cullata dallo splendido brano, la mia memoria mi ha catapultata a ritroso nel grembo di mia madre. Un’esperienza fortissima. Una mamma non può spiegare fino in fondo cosa si prova durante il parto…figuriamoci mettersi dalla parte del nascituro! Il senso di completezza, di fare parte dello stesso respiro, di partecipare a quel dolore necessario misto alla sensazione di gioia di un atto così bello come essere pronti per donare la vita. Sentivo tutto: dentro, la sofferenza di quegli attimi; fuori, le lacrime liberatorie che mi inumidivano il viso; dentro, l’assenza di mio padre; fuori, la dolce musica di sottofondo… e d’un tratto dentro, il segnale forte e chiaro di mia madre “è il momento giusto, siamo io e te. Ce la facciamo. Ti guido verso l’uscita”. Ho percepito la sua forza e la sua determinazione e avvertivo anche molta serenità intorno, nel rispetto del ritmo vitale e dei nostri tempi. Sono nata senza opporre resistenza. Mi sono ritrovata come un neonato, contemporaneamente dentro e fuori a respirare da sola per la prima volta, in modo quieto, piena di pace e di gratitudine verso mia madre. Ero al sicuro anche all’esterno, abbracciata dalla vita che lei mi aveva appena regalato e avvolta ancora dalla suggestiva melodia che non ha mai smesso di accarezzarmi. Ogni seduta ha la sua musica, e ogni musica risveglia delle particolari emozioni da integrare. È stato interessante infatti scoprire che la musica, dal nome “Maternity”, è stata scelta da Fabiola per indirizzare prima il mio respiro e poi le mie emozioni verso il tema della nascita. Fin dal momento dell’integrazione, subito dopo la seduta e da quel giorno, il 10 ottobre 2017, il benessere della mia rinascita me lo porto ovunque, consapevolmente con l’atteggiamento di chi grida “eccomi, sono venuta al mondo, guardate come sono bella!”. Ritrovarsi allo stesso tempo neonata e genitore di una piccola creatura meravigliosa. Sì, sono un genitore accogliente, responsabile e pieno d’amore….verso Eleonora!

Ancora un abbraccio a Fabiola che mi ha dato la possibilità di rinascere!

Per concludere, voglio soffermarmi su un antefatto che, visto col senno di poi, di casuale ha ben poco. Il giorno precedente, un mio caro amico, mi invita a fare insieme un giro per le chiese di Roma che espongono capolavori del Caravaggio. La prima che decidiamo di andare a vedere è la Basilica di Sant’Agostino, nei pressi di Piazza Navona. Dopo aver ammirato il dipinto, prima di uscire, in fondo, vediamo una grande statua piena di ex voto, che scopriamo essere anche molto venerata: la grande scultura di fronte a me raffigurava niente di meno che…la Madonna del Parto!

Angela

“… al nostro primo incontro ero in preda alla rabbia, al risentimento e brancolavo nel buio più totale!”

GRAZIE Fabiola!

Al nostro primo incontro ero in preda alla rabbia, al risentimento e brancolavo nel buio più totale! Ho compreso da subito l’importanza dell’aprirsi senza resistenze, essendo quest’ultime acerrime nemiche di qualsiasi percorso di crescita personale! Fiducia, coraggio, forza di volontà e costanza sono stati gli elementi fondamentali del mio trekking interiore sotto la tua attenta guida.

Ogni sessione era come rivisitare il mio “algoritmo” della vita, un algoritmo funzionante ma poco soddisfacente e con qualche passaggio che, come si dice in gergo tecnico, andava in loop!

Ho imparato tanto, davvero tanto… Oggi sono in grado di dire quello che voglio e non solo quello che non voglio, sono più clemente con me stessa e più compassionevole con gli altri! La mia insicurezza non si cela più dietro l’aggressività (quantomeno ci provo!!!) e ho scoperto la bellezza di ricevere amore in libertà, tutti lo meritiamo!

Il perdono è “l’esercizio” più ostico, duro e faticoso.

Il mio respiro non mi fa mai sentire sola e mi permette di essere costantemente in contatto con la mia parte più intima e vera! Esso non è mai uguale, è libero e spontaneo e in continua evoluzione… esattamente come me!

Nuovamente GRAZIE e ti abbraccio forte forte.

Marco

“…Grazie al Rebirthing ho scoperto che mi sentivo immeritevole dell’amore di Dio perché omossessuale, cosi come da Dio, anche da ogni elemento del creato…”

L’esperienza del Rebirthing mi ha permesso di avere accesso a delle verità che tenevo nascoste a me stesso e a riconoscere quelle maschere che mi tenevano all’oscuro di quel nucleo di enigmi che se ne stavano buone e tranquille dentro di me e che regnavano e governavano ogni passo e decisione della mia vita, forti della mia inconsapevolezza della loro esistenza.

Vivevo una vita pensando di sentirmi fiero di me stesso, di essere libero, pensando di essermi accettato e di vivere secondo le mie naturali predisposizioni. Ero certo del fatto che la mia omosessualità fosse un fatto consolidato e che io avevo accettato me stesso alla luce del giorno e completamente.

Mi sono avvicinato al Rebirthing perché sentivo un disagio che ritenevo causato, magari, da un’infanzia infelice, da un padre severo, da una madre troppo presente, da una società che non mi amava, da persone che non mi consideravano degno della loro approvazione perché ero diverso, o da una crisi economica che non mi concedeva costanza e continuità lavorativa. Tuttavia, grazie al Rebirthing ho pienamente compreso che in verità ero io a rifiutare per primo me stesso, per gli stessi motivi che vedevo nelle accuse che gli altri mi imputavano. Ero io , e solo io, che provavo letteralmente dello spregio per me stesso, per il mio sesso e per il mio modo di vivere la sessualità, sebbene, a livello conscio ed intellettuale mi facessi forza di una fierezza che era solo illusione. Scoprire di odiarsi per quello che si è, e scoprire che il mio odio era talmente potente da saper distogliere la mente dalla causa di questo odio, e pilotarla a considerare altre cause, è stato un momento forte, è stato davvero come cadere dalle nuvole, perché’ a tutto avrei pensato ma non a questa omofobia interiorizzata, cosi intelligente e ben costruita dentro di me, da riuscire a deviare la mia attenzione da se stessa, e a consigliarmi di trovare la soluzione di questo disagio, forte e quasi autodistruttivo, in altre cause apparenti.

Io che ero aperto con tutti, che non nascondevo (o quasi) me stesso, che consigliavo ad altri come vivere sereni e in pace con se stessi, ho scoperto di essere, in verità, la persona che per prima aveva bisogno di rivedere se stesso in rapporto alla propria sessualità. Una scoperta difficile da accettare perché’ voleva anche significare di accettare di essere il primo responsabile dei propri mali. Una scoperta, tra l’altro, avvenuta dopo varie sessioni. L’ambiente sociale e i miei genitori hanno certamente influito alla costruzione del mio disagio, ma grazie al Rebirthing ho capito qual era la strada da intraprendere e da abbracciare. Molte cose si sono chiarite: la mia voglia di fuggire dalla mia citta e dalla mia nazione, l’ansia di accontentare i miei genitori ma anche quella ricerca ansiosa di un Dio.

Sono sempre stato una persona spirituale, amante delle religioni e delle culture religiose più diverse, amante della preghiera universale e fervido sostenitore che la vita è anche anima e che Dio esiste, ma mai avevo potuto capire che questa ricerca di Dio non era altro che la ricerca di un perdono alle mie colpe, un perdono alla mia sessualità sbagliata e che cercavo ardentemente di espiare queste colpe per la mia pace, pace che però non stavo cercando di equilibrare con l’accettazione di se ma con le giuste e dovute punizioni religiose che ritenevo giuste per il mio danno.

Grazie al Rebirthing ho scoperto che mi sentivo immeritevole dell’amore di Dio perché’ omossessuale, cosi come da Dio, anche da ogni elemento del creato. Si spiega quell’assenza di amori e relazioni nella mia vita, di passione per le cose, di senso estremo del dovere e di colpa, di mancanza di gioia della vita, gioia che avrebbe nutrito la mia esistenza con le cose più semplici come l’amore, lo sport, il gioco, il ridere. Si spiega il perché’ di un rapporto di totale reverenza nei confronti dei miei genitori che superava la semplice e naturale predisposizione che un figlio ha a rispettare i propri cari. Questo insieme di convinzioni, o mie menzogne principali, sono state il motore distruttivo che calibravano la mia esistenza e conoscerle, mia ha dato davvero un’opportunità di cambiamento che mi ha aperto una nuova prospettiva di vita e una nuova capacita a vivere con maggiore serenità.

La prospettiva di vedere il mio cattivo umore e i miei atteggiamenti limitanti, come una costruzione inutile. Inutile perché’ non dettata dal vero me e da nulla che sia esterno a me.

La prospettiva di sentirmi parte del Creato e di Dio, e per questo di meritare il suo amore e il rispetto e l’appoggio di chiunque. A partire da me stesso.

La prospettiva di correggere quelle vibrazioni negative e quelle paure e di renderle pura luce e di amarle come amare tutto ciò che mi circonda.

La prospettiva di rendere partecipi i miei genitori e familiari, della mia bellezza e della mia luce e fornire loro gli strumenti per capire e accettare e amare quel mio dono che hanno percepito come una paura ignota.

La prospettiva di insegnare agli altri che l’amore di se stessi è la base di una vita creativa e libera e piena di luce. Quanti obiettivi e chiarimenti!

Il respiro ed anche l’insieme di esercizi che ho svolto, hanno fatto risuonare in me tutti quei pensieri ipnotici limitanti ma anche di riconoscere in me quelle voci che davano giusto consiglio e che ora riuscivo ad individuare e ad interpretare più chiaramente.il respiro e le frasi che scrivevo fino ad ipnotizzarmi, stanno concedendo alla mia coscienza, mente, inconscio ed altro di fermarsi e di dotarsi di auto-ascoltazione, di sentire e fermare quel brusio dentro di me, quelle parole e frasi che echeggiano dentro di me, di capire quelle che mi sono distruttive e capire quelle che mi vogliono aiutare. Più chiaramente, individuo e distinguo le mie leggi negative : le ringrazio per essere state comunque uno stimolo alla mia ricerca spirituale . La forza del Rebirthing mi ha soprattutto permesso di ho capire che ci sono anche forze in me che mi sostengono, e individuarle mi ha permesso di scoprire e potenziare la luce ch e è in me. Voglio che queste siano queste forze sostenitrici ad echeggiare i miei pensieri e il respiro mi aiuta a calmare il mio brusio e a fare in modo che sicurezza e stabilità perpetuino nella mia anima, nella mia mente e nel mio cuore.So che il percorso È solo iniziato, ma sono fiero di aver imboccato il verso e l’orientamento di cui avevo bisogno per rinascere e ricominciare una nuova vita.

E mi godo la mia nuova e bella relazione d’amore: sarà una coincidenza? Non so, ma c’è! E me la godo tutta!

Elisabetta

“Io posso, io mi merito, io sono capace, io voglio… Respiro, respiro, respiro”

Non solo questo è il Rebirthing. Non solo questo insegna Fabiola.

L’accoppiata vincente Fabiola-Rebirthing mi ha aiutata e mi aiuta tuttora a vedere la vita con occhi nuovi. Una disciplina finalmente completa (testa, corpo e anima) mi ha aiutato a raggiungere tanti obiettivi (sentimentali, lavorativi, familiari, di salute e non solo…) e a liberarmi di tante strette catene.

Ho scoperto che il pensiero si può facilmente modificare – e non per forza in negativo, anzi!- e che una giusta respirazione è fondamentale per poter condurre un’esistenza in cui giorno dopo giorno capiamo quello che desideriamo, quello che è meglio per noi, quello che anche non vogliamo.

Sto imparando a scegliere cosa è bene per me e tutto questo è un regalo bellissimo.

Posso dire fermamente di essere rinata. Ora vivo in modo più consapevole il mio “qui ed ora” col mio corpo, con la mia testa e con la mia anima.

Il Rebirthing mi da anche voglia di scoprirmi sempre più. Tutto ciò è per me straordinario perchè finalmente sto imparando chi è Elisabetta.

Mi reputo davvero fortunata per aver conosciuto tutto questo e di poter avere Fabiola e il Rebirthing accanto a me lungo la strada della mia esistenza.

Grazie Fabiola cara.

Sara

“…ho provato un enorme beneficio a livello fisico, tanto che mi sono scomparsi dolori alla schiena che mi bloccavano e…”

Pronti? Via!

Respiro ampio…circolare…connesso…ampio, circolare, connesso…semplicemente respira, con la bocca e a pieni polmoni… Giuro che anch’io ho respirato, e a pieni polmoni a volte: Io, che sono nata con un cesareo e quindi vivo costantemente in apnea… Ho sentito il respiro nei polmoni. Ah però: ce li ho anch’io! Ho fatto tanti chilometri per ritrovare i miei polmoni, Fabiola era molto lontana: come i miei polmoni del resto…

Ho terminato un ciclo, il primo: 10 incontri, 1.800 km. I risultati sono stati straordinari, inaspettati e sorprendenti! Ho provato un enorme beneficio a livello fisico, tanto che mi sono scomparsi dolori alla schiena che mi bloccavano, e numerosi momenti di chiarezza mentale.

Uno dei più belli: ad un certo punto, durante una respirazione, mentre sentivo il mio respiro che circolava in tutto il corpo, ho avvertito che esso apparteneva a qualcosa di più grande. Mi sono sentita e vista in un flusso di particelle espanse che formavano un’onda ben precisa seppure infinita. Quello che vedevo era il Grande Respiro, il respiro della Vita e del Cosmo, a cui io appartenevo… è stato bellissimo!

Grazie Fabiola per la tua pazienza.

Antonella

“…però tu come una goccia d’acqua che scava nella roccia…”

Volevo ringraziarti di cuore di tutto il lavoro che abbiamo fatto insieme, è stato un periodo di grandissima crescita personale. Mi rendo conto di non essere stata facile, con le mie mille resistenze e sempre pronta a ribattere qualsiasi teoria, pero tu come una goccia d’acqua che scava nella roccia, con la tua forza e pazienza sei riuscita ad aiutarmi immensamente a cambiare profondamente e di questo ti sarò sempre grata.

Di tutti questi cambiamenti e di come le nostre sedute mi hanno cambiata me ne sono accorta solo dopo. I cambiamenti sembravano non arrivare mai!!! E invece ogni seduta, ogni commento, mi ha lasciato tantissimo e ancora mi rimbombano nelle orecchie le tue parole. Quindi grazie mille Fabiola, sei una rebirther eccezionale e sei stata per me preziosissima.

Bizio

“…sono riuscito a sentirmi sempre meglio, a dare valore ad ogni cosa che faccio…”

Ho conosciuto il Rebirthing circa 6 anni fa. A quei tempi frequentavo un corso triennale per diventare Naturopata. Il mio insegnante di omeopatia e biotipologia Corrado Bornoroni durante una delle sue lezioni tenne a precisare l’importanza della psiche sulle malattie ed in particolare sulla psicosomatica. Nello stesso giorno un pensiero frequente fu messo in evidenza :” Lavorare sulle memorie antiche”. Rimasi ricordo ancora come se fosse adesso molto incuriosito, visto che ormai da anni cercavo dentro di me la causa della mia sofferenza interiore. Finita la lezione dopo un breve colloquio con il mio professore tracciai in modo inequivocabile la strada che mi portò nelle braccia del Rebirthing.

Già dal giorno dopo mi misi alla ricerca finchÈ un giorno curiosando qua’ e la ‘ nel meraviglioso mondo di internet, mi colpì la storia di quella che poi diventò un vero punto di riferimento, FABIOLA DESSÌ!

Una persona sconosciuta ma che raccontando la sua storia attraverso la pratica del Rebirthing mi ha entusiasmato, tanto da pensare allora anch’io ce la posso fare.

Decisi di chiamarla e lei mi diede subito un appuntamento. Fu un incontro molto importante per me dove si evinse tutta la mia sofferenza e dall’altra parte tutto l’incoraggiamento necessario per partire con uno spirito combattivo.

Ma cos’è il Rebirthing allora? La parola stessa lo dice Rinascita! Attraverso il respiro possiamo lavorare e trasformare i nostri blocchi, la negatività la mancanza di coraggio e la visione pessimistica della vita, ridonandoci quel meraviglioso pensiero che noi siamo gli artefici del nostro successo.

Dico questo perché ciò che è successo nella mia vita. Grazie a Fabiola sono riuscito a sentirmi sempre meglio, a dare valore ad ogni cosa che faccio a liberarmi inoltre di tutti quei sensi di colpa che pensavo di non avere ed invece erano lì nascosti.

Respirare per ritornare a vivere . È questo lo slogan , la chiave d’accesso per buttare via il passato e vivere con occhi fiduciosi verso il futuro. Sono stato fortunato perché’ Fabiola è una professionista molto attenta e che a ma il suo lavoro.

Tanti amici attraverso la mia esperienza si sono avvicinati al Rebirthing e mi hanno ringraziato visto che la loro vita è decollata.

Grazie Fabiola per tutta la pazienza che mi hai donato ,per la tua umanità, per la tua gentilezza ed i modi con cui svolgi la tua missione.

Chiara

“… sono riuscita a tagliare il famoso “cordone ombelicale” che mi faceva vivere male e sottomessa…”

Ho avuto il piacere di conoscere Fabiola qualche tempo fa quando ero in cerca di lavoro arrivando a lei in quanto cercava una persona tutto fare per la sua casa. Subito dopo averla conosciuta ho preso coscienza di tante cose e pian piano, grazie al rebirthing ma a dirla tutta … grazie a Fabiola sono riuscita e togliere qualche “ciambella di salvataggio” a cui ero molto affezionata ma che comunque era una corazza per la mia vita… ma soprattutto sono riuscita a tagliare il famoso “cordone ombelicale” che mi faceva vivere male e sottomessa. Il problema più grande era mia madre… una donna che con il suo amore morboso e ossessivo non mi dava la possibilità di prendere la mia strada… quella strada che ognuno di noi dovrebbe fare da solo… poi c’era anche la mia paura esagerata di rompere questo cordone… ma pian piano è successo tutto di colpo!!! Prima mi sono separata da mio marito… e la prima zavorra è saltata… ho iniziato a guardami attorno e presto ho conosciuto un altro uomo che ora riempie la mia vita. Un’altra zavorra che è saltata è che finalmente ho lasciato casa mia per trasferirmi a Roma con il mio nuovo compagno… ma la cosa più importante è un’altra… ho preso coscienza che non potrei comunque più tornare a casa mia anche se la mia nuova storia finisse!!! … Lavorare su se stessi è un lavoro esagerato… !!!! E tutto ciò… è accaduto solo grazie al lavoro fatto con Fabiola… infatti nel tempo…. con il rebirthing ho metabolizzato tutti i vari problemi che mi attorcigliavano la vita… e finalmente ora vivo discretamente bene la mia natura, il mio essere… e vi pare poco!?!?!?!?

Enzo

“… credo tu sia una counselor nata.”

Cara Fabiola, volevo ringraziarti per lo splendido lavoro che hai fatto su e con me in tutti questi mesi. Sei molto brava come rebirther e… azzardo una personale opinione… credo tu sia una counselor nata. Continua così!!! Credo che alla fine il mio libro riuscirà a vedere la luce (complice anche un certo tatuaggio) e a te devo moltissimo del merito. Ancora Grazie e in bocca al lupo per tutto.

Fabiana

“…Ma l’esperienza più inaspettata con il rebirthing ce l’ho avuta durante il travaglio e il parto…”

Ho conosciuto il rebirthing durante un periodo speciale della mia Vita, un periodo di grande apertura, sensibilità, leggerezza e ascolto: durante la mia gravidanza. Il rebirthing ha contribuito a catalizzare tutte queste sensazioni e ha portato una ventata di energia vitale nella mia esistenza.

È proprio vero le cose arrivano nella nostra vita attraverso strane coincidenze, cosi è accaduto per me… e durante i soliti acquisti al supermercato i miei occhi caddero su un libro di color lilla con un fiore di loto in copertina, c’era scritto “rebirthing”, non sapevo cosa fosse! Quel libro catturò completamente la mia attenzione e non potei far a meno di acquistarlo! Pochi giorni dopo al consultorio, durante il corso di preparazione al parto, si sedette accanto a me una donna molto interessante, Fabiola, che (allo stesso modo del libro) catturò subito la mia attenzione. Chiacchierando con lei scoprii che si trattava di una rebirther professionista..! Una strana coincidenza, (no?) avevo appena iniziato a leggere quel libro…

Così iniziai a praticare il respiro circolare e iniziai subito a sentire la Potenza che il respiro ha nello sciogliere i nostri nodi, le nostre limitazioni, le paure… riesce a trasformare l’oscurità in luce… è come una cascata fresca che risciacqua e purifica i pensieri più dannosi, rendendoli luminosi. Ma l’esperienza più inaspettata con il rebirthing ce l’ho avuta durante il travaglio e il parto, non mi sarei aspettata di utilizzarlo in quella circostanza.

In realtà avevo dato molta importanza al luogo del parto, scegliendo con molta cura un luogo il più possibile rispettoso di mamma e bambino e simile ad una casa, (scelsi l’ospedale di Spoleto) sapevo che lì avrei potuto seguire il mio istinto di donna… Solo in quel preciso momento del parto scoprii che respirare in maniera circolare mi veniva facile ed istintivo… era un potente sollievo per il corpo e per lo spirito, altro che epidurale! Quel respiro mi permetteva di sentire il mio corpo, ascoltarlo e accettare il dolore con gratitudine. In quel momento feci l’esperienza più straordinaria: entrare in connessione con Me Stessa e con l’Universo! Un’esperienza Unica, semplicemente Estatica…

Veramente Grazie…

Immacolata

“…l’esperienza del rebirthing con lei sono stati determinanti nel percorso della mia crescita personale…”

L’incontro con Fabiola Dessì e l’esperienza del rebirthing con lei sono stati determinanti nel percorso della mia crescita personale.

Nel metodo che praticavo, orientato molto allo spirituale, sentivo che mancava qualcosa che non riusciva ad emergere. Durante i miei respiri con Fabiola ho incontrato, conosciuto e sperimentato l’armonioso equilibrio – fra la parte concreta, reale e l’astrazione spirituale – proprio al fine di raggiungere una connessione tra cuore, mente e spirito: l’ago della bilancia nella mia vita.

La validità del rebirthing come valore terapeutico ho potuto constatarla già dopo la terza seduta poiché l’insonnia era sparita, ma soprattutto la competenza e la delicatezza di Fabiola hanno contribuito all’ottenimento di quello che tanto avevo cercato.

Ringrazio quindi Fabiola con tutto il mio cuore per aver dato una svolta tanto significativa alla mia vita: grazie per la costante e profonda dedizione arricchita dalla sua splendida solarità.

Pompeo

“…ho ritrovato quel gusto di vivere che dopo il mio ultimo divorzio stava svanendo a vista d’occhio…”

Carissima Fabiola, io e il mio bambino interiore vogliamo ringraziarti per averci aiutato a ritrovare quella pace, quell’amore e quella stima che ora fanno parte della relazione che entrambi abbiamo sia l’un per l’altro che con i nostri genitori e con le altre persone.

Quando venni da te quella prima volta non ero sicuro di sapere di cosa avevo bisogno. Sapevo solo che la mia vita mancava, per così dire, di luminosità. Le tue sedute di rebirthing e soprattutto quelle dirette a contattare il mio bambino interiore sono state a dir poco illuminanti. Laddove ero confuso su cosa volevo fare per il resto della mia vita ora sono più chiaro, laddove così spesso giudicavo e criticavo la gente che incontravo ho imparato ad apprezzare il loro contributo e laddove sentivo la carenza di amore per me stesso ora mi rispetto e mi amo incondizionatamente , riuscendo anche ad accettare le mie idiosincrasie e i miei difetti. Tutto ciò si riflette nelle mie abitudini, le mie azioni e i miei pensieri di ogni giorno.

Grazie per avermi aiutato a ritrovare quel gusto di vivere che dopo il mio ultimo divorzio stava svanendo a vista d’occhio e grazie per essere così dedicata al lavoro che fai.

Con affetto e gratitudine

Silvio

“Sensazionale il tuo trasmettere il rebirthing”

Ciao Fabiola, ti ringrazio per aver condiviso con me la tua profonda conoscenza del rebirthing, facendomi vivere delle sensazioni sconosciute in precedenza. Respiro e non solo, il raggiungimento di altri livelli di coscienza hanno portato nella mia vita evoluzione, benessere e riappacificazione con il tutto.

Grazie…grazie…grazie!